Tutti i post

Shape Image One

Comparazione Lac: Verofilcon A (Dailies Precision1) vs Etafilcon A (Hydrogel)

Lo scopo di questo studio comparativo è quello di confrontare le prestazioni soggettive di una lente a contatto giornaliera in silicone idrogel ”verofilcon A” con una lente a contatto in Hydrogel ”etafilcon A”. I portatori di lenti a contatto morbide sferiche sono stati randomizzati in modo prospettico a indossare lenti verofilcon A o etafilcon A

Guida notturna: Differenza tra uomini e donne in una popolazione anziana

Lo scopo di questo studio è stato quello di valutare le differenze di genere in relazione con l’autolimitazione della guida notturna e la funzione visiva in una popolazione anziana. I modelli di autolimitazione della guida notturna (valutati tramite questionario) sono stati esaminati in modo trasversale in relazione a età, sesso, stato di salute e cognitivo,

Le abilità visive sono relazionate ad una migliore funzionalità fisica negli anziani?

L’obiettivo di questo studio (cross-sectional study) è stato quello di valutare la relazione tra un’ampia gamma di abilità visive, misurando inoltre le prestazioni fisiche in un gruppo di adulti/anziani. Settecentottantadue adulti di età pari o superiore a 55 anni (65% dei soggetti idonei viventi) sono stati sottoposti a misure soggettive, prestazioni fisiche oggettive e misure

L’attenzione influenza il Lag Accomodativo?

Ci sono prove che l’attenzione può modulare la dinamica oculare, ma i suoi effetti sulla dinamica accomodativa devono ancora essere completamente determinati. Questo studio ha esaminato gli effetti della manipolazione della capacità di concentrarsi su stimoli rilevanti per un determinato compito, utilizzando due livelli differenti: attività aritmetica e feedback uditivo. Entrambi i compiti sono stati

Efficacia del Visual Training in soggetti con disturibi dell’apprendimento

Lo scopo di questo articolo è quello di riportare la frequenza di anomalie binoculari (BV) in bambini in associazione a disturbi specifici dell’apprendimento (SLD) e valutare l’efficacia del visual training (VT) in un gruppo di bambini con anomalie binoculari non strabismiche. Metodi: Lo studio è stato condotto presso un centro per i disturbi dell’apprendimento (LD).

Disturbi dell’apprendimento e visione

I disturbi dell’apprendimento costituiscono un gruppo eterogeneo di disturbi in cui i bambini che generalmente possiedono un’intelligenza nella norma hanno problemi nell’elaborazione delle informazioni o nella generazione di risultati. L’ eziologia di tali disturbi sono multifattoriali e riflettono influenze genetiche e disfunzioni dei sistemi cerebrali. La disabilità di lettura, o dislessia, è la disabilità di

Cambiamenti ottici nell’ortocheratologia

L’ortocheratologia ha subito drastici cambiamenti da quando è stata descritta per la prima volta nei primi anni ’60. La procedura di ortocheratologia originale prevedeva una serie di lenti per appiattire la cornea centrale ed era afflitta da risultati variabili. L’introduzione di materiali per lenti ad alta permeabilità all’ossigeno che possono essere indossate durante la notte,

OrthoK: Strumento di controllo della progressione miopica

La prevalenza della miopia nei bambini è in aumento in tutto il mondo ed è considerata una delle principali preoccupazioni per la salute pubblica. Questo aumento ha stimolato l’interesse per la ricerca sulla prevenzione e il controllo della miopia nei bambini. Sebbene vi sia ancora incertezza nei fattori di rischio alla base delle differenze nella

Vertigini, instabilità e disturbi visivi: Quali sono le evidenze?

Esistono una serie di prove considerevoli a sostegno dell’importanza della disfunzione cervicale nello sviluppo di vertigini, instabilità, disturbi visivi, equilibrio alterato e controllo alterato del movimento degli occhi e della testa a seguito di traumi al collo, specialmente in quelli con sintomi persistenti. Tuttavia, esistono altre possibili cause per questi sintomi e nella diagnosi differenziale

Che connessioni ci sono tra occhi e cervicale?

I recettori nel rachide a livello cervicale hanno importanti connessioni con l’apparato vestibolare e visivo, nonché con diverse aree del sistema nervoso centrale. La disfunzione dei recettori cervicali nei disturbi del collo, in alcuni casi, può alterare l’input afferente modificando successivamente l’integrazione, la tempistica e la sintonizzazione del controllo sensomotorio. Cambiamenti misurabili nel senso della