Tropia e Stereoacuità: Esistono dei predittori?

  • Home
  • Tropia e Stereoacuità: Esistono dei predittori?
Shape Image One
Tropia e Stereoacuità: Esistono dei predittori?

Lo scopo di questo studio era di determinare, se esistono, dei predittori dell’esito di stereoacuità in soggetti con esotropia a seguito di correzione chirurgica.

I soggetti, che erano stati allineati chirurgicamente ed erano stati testati per la stereoacuità nel periodo postoperatorio, sono stati studiati in modo retrospettivo.

I soggetti sono stati raggruppati rispetto alle loro risposte agli stereotest di Titmus o TNO.

Tra i gruppi sono state confrontate caratteristiche come ambliopia, anisometropia e caratteristiche dell’esodeviazione come tempo di insorgenza, durata, intermittenza, presenza di un pattern A o V, disparità distanza-vicino, deviazione verticale coesistente e iperazione obliqua inferiore.

Centoquattro soggetti visivamente maturi con esotropia hanno soddisfatto i criteri di inclusione.

La stereoacuità è stata raggiunta nel 77% del gruppo di studio e solo il 9% di questi ha potuto raggiungere una buona stereoacuità.

La stereoacuità negativa è stata più frequentemente associata ad angoli di deviazione più ampi, anisometropia maggiore, iperazione obliqua inferiore, strabismo a pattern, strabismo verticale coesistente e disparità distanza-vicino, ma non a un livello statisticamente significativo. Il limite ottimale per la durata dello strabismo era di 20 anni per un esito positivo di stereoacuità.

È stato rilevato che la differenza di acuità visiva di qualsiasi livello riduce significativamente la possibilità di stereoacuità positiva. Gli odds ratio per la positività alla stereoacuità erano 4,05 per la durata dello strabismo <20 anni, 7,9 per l'insorgenza dello strabismo> 1 anno di età, 3,79 per l’acuità visiva dell’occhio più debole> 20/25 e 9,85 per l’intermittenza dello strabismo. L’intermittenza dell’esotropia era il più forte predittore di stereoacuità positiva. L‘esordio dell’esotropia dopo 1 anno di età, l’assenza di differenze di acuità visiva di qualsiasi livello e la durata dello strabismo <20 anni erano gli altri predittori con potere decrescente.

Fonte: Pubmed

Titolo: Predictors of stereoacuity outcome in visually mature subjects with exotropia

Lascia un commento