Cambiamenti ottici nell’ortocheratologia

L’ortocheratologia ha subito drastici cambiamenti da quando è stata descritta per la prima volta nei primi anni ’60. La procedura di ortocheratologia originale prevedeva una serie di lenti per appiattire la cornea centrale ed era afflitta da risultati variabili. L’introduzione di materiali per lenti ad alta permeabilità all’ossigeno che possono essere indossate durante la notte, la topografia corneale e il design delle lenti a geometria inversa hanno rivoluzionato questa procedura. La moderna ortocheratologia notturna provoca riduzioni rapide, affidabili e reversibili dell’errore di refrazione.

Con i design moderni, i pazienti possono indossare le lenti durante la notte, rimuoverle al mattino e vedere chiaramente durante il giorno senza la necessità di correzione refrattiva diurna. I moderni design delle lenti a geometria inversa causano l’appiattimento corneale centrale e l’inclinazione corneale medio-periferica che fornisce una visione foveale chiara e allo stesso tempo causa uno spostamento miopioco nella sfocatura retinica periferica. Si ipotizza che il defocus retinico miopico periferico causato dall’ortocheratologia sia responsabile della riduzione della progressione della miopia nei bambini portatori di queste lenti. Questo documento esamina i cambiamenti nel design delle lenti per ortocheratologia che hanno portato alle lenti per ortocheratologia a geometria inversa che vengono utilizzate oggi e le modifiche ottiche prodotte da queste lenti.

I cambiamenti ottici esaminati includono cambiamenti nell’errore di refrazione e nel loro decorso temporale, cambiamenti dell’acuità visiva ad alto e basso contrasto, cambiamenti nelle aberrazioni di ordine superiore e nelle metriche della qualità visiva, cambiamenti nell’accomodamento e cambiamenti nella sfocatura periferica causati dall’ortocheratologia.

Viene anche esaminato l’uso dell’ortocheratologia per il controllo della miopia nei bambini, così come le connessioni ipotizzate tra il defocus miopico periferico indotto dall’ortocheratologia e la progressione rallentata della miopia nei bambini e la sicurezza e le complicanze associate all’uso delle lenti. Una migliore comprensione dei cambiamenti oculari e ottici che si verificano con l’ortocheratologia sarà vantaggiosa sia per i medici che per i pazienti nel prendere decisioni informate sull’utilizzo dell’ortocheratologia. Vengono discusse anche le direzioni di ricerca future con questa modalità di lente.

Fonte: Clinical Exp. Optometry

Titolo: Optical changes and visual performance with orthokeratology

Lascia un commento