Stereoacuità e Glaucoma ad angolo aperto

Scopo: confrontare la stereoacuità da vicino e da lontano tra pazienti con glaucoma primario ad angolo aperto (POAG) e un gruppo di controllo e analizzare le associazioni tra stereoacuità e gravità del POAG.Metodi: questo studio trasversale ha confrontato la stereoacuità da vicino e da distanza tra il POAG e i gruppi di controllo. I dati del gruppo POAG sono stati utilizzati per valutare le associazioni tra stereoacuità (sia vicino che a distanza) e la gravità dei difetti del campo visivo (FV) (in base alla classificazione Hodapp-Anderson-Parrish e all’indice VF).Risultati: lo studio ha incluso 94 occhi di 47 pazienti con POAG e 80 occhi di 40 soggetti di controllo. La stereoacuità da vicino e da distanza erano significativamente inferiori nel gruppo POAG rispetto al gruppo di controllo (entrambi P <0,001). La quasi stereoacuità è peggiorata con la gravità del POAG in termini sia della classificazione Hodapp-Anderson-Parrish che dell'indice VF (P = 0,007 e P = 0,049, rispettivamente). Tuttavia, la stereoacuità della distanza non era associata alla gravità del POAG per nessuna delle due categorie (P = 0,12 e P = 0,57, rispettivamente). Le proporzioni di pazienti con ridotta stereoacuità da vicino e quelli con mancanza di stereoacuità a distanza erano più elevate nel gruppo POAG rispetto al gruppo di controllo.Conclusioni: la stereoacuità da vicino e da distanza era significativamente inferiore tra i pazienti con POAG rispetto ai soggetti di controllo. La quasi stereoacuità peggiorava con l’aumentare della gravità POAG, ma la distanza stereoacuità no. Tuttavia, la percentuale di pazienti con una mancanza di stereoacuità della distanza era più alta nel gruppo POAG rispetto al gruppo di controllo.

Fonte: Pubmed

Autori:Chan Keum Park 1Dai Woo Kim 2Chang Kyu Lee 3

Titolo:Near and Distance Stereoacuity in Patients With Primary Open-angle Glaucoma

Lascia un commento